10/07/2020
Eretico.it

IN SENSO AVVERSO ALLE IDOLATRIE

Coronavirus: nonostante i divieti, la “fuga” da Milano

La notizia delle nuove disposizioni sulla chiusura della Lombardia ha spinto centinaia di persone, ieri sera, a salire sul primo treno per allontanarsi da Milano.

Una “fuga” dalla regione che si è concentrata tra le 22 e mezzanotte, subito a ridosso delle indiscrezioni sul decreto che classificava l’intera Lombardia come zona a mobilità limitata.

Centinaia di persone hanno preso la Stazione Centrale e quella di Porta Garibaldi partendo prevalentemente verso le regioni più a Sud.

Il Dpcm firmato dal premier Conte ha imposto il divieto di spostamenti ne territori contagiati dal Covid-19: questa zona comprende, oltre alla Lombardia, 14 province in Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Marche: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro-Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia. In questi luoghi si applicano quindi misure più restrittive.